ARIOSTO

Padova, Radar, 1969 - collana "La nuova critica"

ESAURITO

Ariosto, di Antonio Piromalli

 

Gli studi ariosteschi di Antonio Piromalli si articolano in tre distinti volumi:

- La cultura a Ferrara al tempo di Ludovico Ariosto (1953 - 2° ed. 1975)
Questo primo studio, muovendo da prospettive radicalmente innovative per l'epoca, inquadra storicamente le radici sociali di classe della cultura estense. E' un saggio storico che si pone come base "di metodo e di cultura" per i successivi studi letterari di Piromalli sull'Ariosto e sulla letteratura popolare dell'epoca.

- Motivi e forme della poesia di Ludovico Ariosto (1954)
Individuando come inscindibili nel Furioso gli elementi intellettuali da quelli artistici, lo studio individua il naturalismo ariostesco "come importante elemento della base conoscitiva e intellettuale del Rinascimento italiano e ferrarese, oltre che come sentimento estetico di un'età pervenuta alla sua maturità completa, alla sua pienezza di vita".

- Ariosto (1969)
In questo volume viene tracciato un quadro storico delle diverse interpretazioni e metodologie critiche con riferimento alle tematiche sviluppatesi intorno all'arte ariostesca.
Se ne riporta a lato il retro di copertina e l'indice degli argomenti.

 

 

 

 

 

Il volume risulta essere disponibile presso le biblioteche sotto elencate
(dal catalogo in rete del Servizio Bibliotecario Nazionale):

VE0047 - Biblioteca Querini Stampalia - Venezia - VE
PD0158 - Biblioteca universitaria di Padova - Padova - PD
FE0017 - Biblioteca comunale Ariostea - Ferrara - FE
RE0052 - Biblioteca municipale Antonio Panizzi - Reggio Emilia - RE
MO0089 - Biblioteca Estense Universitaria - Modena - MO
MO0204 - Biblioteca del Liceo scientifico statale A. Tassoni - Modena - MO
BO0199 - Biblioteca comunale - Imola -BO
FI0098 - Biblioteca nazionale centrale - Firenze - FI
RM0289 - Biblioteca statale Antonio Baldini - Roma - RM

 


| Copertina | Indice | Novità | Eventi | Links | Mappa | Contatti | Copyright |

StoriadellaLetteratura.IT

la storia letteraria scritta da Antonio Piromalli
oggi liberamente e interamente consultabile in rete


FAP - Edizioni del Fondo Antonio Piromalli onlus