Questo scritto di Giuseppe Fiamma tratto da Confonto, 2005.

Nella foto: Antonio Piromalli.